EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Tipi di bacio

bacio Klimt


Vediamo, come promesso in un articolo precedente, alcuni tipi di baci distinti per parti del corpo e per tipologia, con anche qualche consiglio in più per non fare brutte figure. Ricordate che il bacio, specialmente se è il primo, se lascia un bel ricordo, è un ottimo passaporto per l’amore. Un bacio sgradevole può essere un problema. Ma vediamo questi baci come si dividono e soprattutto… come si danno!


Parti del corpo:

– Collo: è uno dei baci preferiti e provoca piacevolissimi brividi lungo la schiena come una leggera scossa elettrica.

– Seno: oltre a essere un bacio molto erotico, è uno dei più intimi, eccitanti e stimolanti.

– Viso: spesso si tiene il viso del partner tra le proprie mani e su che parte del volto dare i propri baci, c’è solo l’imbarazzo della scelta: dalle labbra alle palpebre; dalle guance alla fronte fino ad arrivare alle orecchie che molti amano mordicchiare o succhiare nella zona del lobo.

– Piedi: per molti può essere una mera pratica feticista, ma in realtà per gli uomini il piede femminile rappresenta una parte molto erotica della partner. Si parte con una carezza, per arrivare a dare il primo delicato e vibrante tocco con le labbra. Dal bacio sull’alluce e sul dorso del piede, le labbra percorrono la caviglia, il polpaccio, il ginocchio, la coscia, per arrivare lì…


Regole basilari per non incappare in magre figure:

– Denti puliti e alito fresco: spazzolino e dentifricio sono amici dei baci piacevoli. L’aglio e la cipolla, no! Quindi, se amate alimenti che possono dare alito cattivo, fatene a meno per un paio di giorni prima di uscire con la persona amata, in nome di un bacio memorabile!

– Curate le labbra con burro cacao. Le labbra screpolate non sono piacevoli da baciare.

– Igiene personale generica: visto che il bacio coinvolge anche le parti più intime del corpo, mantenere un livello decoroso di pulizia è il minimo indispensabile!

– Niente gel o lacca nei capelli: la sensazione bellissima del contatto con i capelli sarebbe vanificata dalla presenza di sostanze appiccicose che farebbero perdere… tutta la poesia.


Tipi di baci:

– Il bacio alla francese: è il bacio classico, a bocca aperta, con il contatto tra le lingue. Il più amato, il più diffuso, il più appassionante.

– Il bacio eschimese: non è un bacio con le labbra, bensì il tenero strofinamento dei nasi. Molto dolce!

– Il succhiotto: generalmente praticato sul collo, è un bacio che lascia spesso un segno sulla pelle simile ad un livido. Per molti può essere un po’ doloroso.

– Il bacio della farfalla: psicologicamente vicino al bacio eschimese, non è un bacio vero e proprio e si tratta dello strofinamento a vicenda delle ciglia. Anche questo è un gesto tenerissimo.


Il bacio, per concludere, è un atto che lascia alla fantasia degli amanti tutta la libertà possibile. Si bacia seguendo l’istinto, seguendo le sensazioni. Il bacio è privo di vere regole. Il bacio è la prima porta dell’amore.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *