EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Speed Date Roma ci spiega come comportarsi ad uno speed date

 

Lo speed date è un metodo innovativo e decisamente alternativo per rimorchiare. Esatto, non si tratta di un errore. Si tratta piuttosto di un meccanismo ideato apposta per far sì che numerosi single si possano conoscere senza troppe complicazioni ed in moto piuttosto diretto.

L’organizzazione di Speed Date Roma ci spiega nel dettaglio come funziona il tutto. Riuniti all’interno di un locale della città si ritrova un gruppo abbastanza consistente di persone “sole” di sesso misto. A turno, seduti uno di fronte all’altro, ciascun partecipante ha modo di conoscere una persona di sesso opposto con età affine alla propria. In questo caso ci sono due fasce d’età: una per gli under 40 (quindi adatta ai più giovani fino ad un minimo di 25 anni), l’altra adatta agli over 40 (quindi indicata per un età massima di 60 anni). Ogni “giocatore” ha l’occasione di conoscere chi è seduto nello stesso tavolino per non più di 5 minuti allo scadere dei quali si è costretti a conoscere un altro individuo presente allo speed date. Si prosegue con questo ritmo fin quando tutti hanno parlato con tutti.

Mano a mano che la serata prosegue, si possono segnare delle preferenze su un foglio di gioco fornito dall’organizzazione stessa. Ogni single è riconoscibile attraverso un numero univoco: in questo modo si possono dare delle preferenze per gli altri single in modo del tutto anonimo. Solo quando le preferenze combaciano (cioè entrambi i giocatori hanno dato una preferenza per l’altra persona in modo reciproco) si passa allo scambio dei contatti come email e cellulare.

E’ chiaro che con una dinamica di gioco simile si può incappare anche in persone che non piacciono esteticamente o che non convincono del tutto per i modi di fare piuttosto vistosi. In questi casi la logica tenderebbe a suggerirci di saltare il turno e aspettare lo scadere del tempo in modo da sedersi direttamente al tavolino successivo. Questo metodo però non è per niente corretto per due motivi basilari:

  • non è assolutamente carino comportarsi in questo modo nei confronti di chi è seduto dall’altro lato del tavolo e si aspetta di fare una piacevole chiacchierata con lo speed dater di turno;
  • non si lascia una buona impressione di sé agli altri partecipanti che vengono subito dopo. Infatti le altre giocatrici si accorgeranno di ciò che è stato fatto e potrebbero marchiarvi come un individuo che mira solo all’aspetto estetico senza curarsi minimamente di ciò che la ragazza ha da dire.

E’ ovvio che è compito di chi organizza queste serate per single fare in modo che tutto fili lisci e che il gioco scorri senza intoppi di nessun tipo, ma è anche ovvio che i giocatori devono collaborare attenendosi strettamente alle regole dello speed date senza fare di testa propria. Dopo tutto ci si trova all’interno di un locale pubblico in compagnia di tante altre persone e l’etica suggerisce di comportarsi bene rispettando quanto richiesto dagli organizzatori.

Qui sono trascritte le risposte alle domande più frequenti sugli speed date da loro organizzati. Per chi volesse partecipare alla serata sappiate che il prossimo speed date a Roma si svolgerà il 10 maggio in prima serata con buffet d’accompagnamento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *