EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Le truffe romantiche, cosa sono e come evitarle

Le truffe romantiche sono un fenomeno online trasversale che riguarda donne ed uomini. Le vittime delle truffe romantiche per vari motivi non sempre sono disposte a denunciare i responsabili.

Le truffe romantiche, cosa sono
E’ una pratica conosciuta anche col termine inglese di romantic scrame. Si tratta di raggiri che avvengono online a discapito sia donne ed uomini di varie età.
Queste trappole a sfondo romantico sono elaborate così accuratamente da riuscire a trarre in inganno anche utenti particolarmente scaltro. Il primo passo del truffatore è individuare la sua vittima e richiedere l’amicizia. Per conquistare la fiducia e riuscire a far breccia si presentano con profili falsi corredati da foto particolarmente accattivanti.
Dopo un primo momento in cui la relazione virtuale verte sull’amicizia, il rapporto viene spostato su un piano più intimo e personale. Una volta raggiunta una buona confidenza, la vittima viene fatta oggetto di richieste economiche, regali compresi. Molto frequentemente, vengono raccontati episodi tristi che mirano a suscitare il desiderio di fornire sostegno alla persona che si ritiene amica.
Non si arriva mai ad un incontro nella vita reale e dopo qualche tempo il profilo viene chiuso o diventa irraggiungibile.

Le truffe romantiche, come evitarle
Se si è vittima di un truffatore della rete è necessario rivolgersi alla polizia postale.
Per non cadere in questa rete è importante valutare con attenzione tutte le richieste di amicizia. Bisognerebbe procedere con cautela sempre ma in particolare se si tratta di persone che risiedono in un altro Paese o che mostrano fotografie di grande impatto. In genere, chi si nasconde dietro questi raggiri utilizza immagini prese dal web o di modelli avvenenti.
Se alla richiesta di incontrarsi di persona si ottiene un diniego oppure un iniziale assenso che non viene però realizzato è bene fare alcune valutazioni. E’ opportuno non inviare doni né denaro, neanche con la promessa di essere risarciti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *