EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

La crisi del settimo anno, le possibili cause

La crisi del settimo anno potrebbe arrivare anche prima, appena al quarto anno. La scienza ha indagato i caratteri delle difficoltà note come la crisi del settimo anno. Secondo una ricerca statunitense, la crisi del settimo anno potrebbe arrivare già dopo quattro anni e riguarderebbe, in particolare, i partner in età fertile.

La crisi del settimo anno
La temuta crisi del settimo anno potrebbe presentarsi anche prima e dopo soli quattro anni. Tutte le coppie si trovano a dover affrontare dei momenti di difficoltà o di stanca che possono concludersi con un addio definitivo. La crisi del settimo anno è stata indagata da numerose ricerche scientifiche che hanno dimostrato che potrebbe essere determinata da un cambiamento delle abitudini e dal raggiungimento di posizioni lavorative sicure.
Un’indagine statunitense della Rutgers università ha sottolineato che l’amore finirebbe dopo quattro anni. L’età nella quale è più frequente lasciarsi, per le donne, è fra i 20 ed i 24 e i 25 ed i 29 anni; gli uomini invece, chiudono le relazioni, soprattutto, se sono fra i 25 ed i 29 anni. I dati evidenziato che la fatidica crisi del settimo anno arriva, soprattutto, fra coloro che hanno dei figli. Dopo che la prole è cresciuta, è più facile che l’amore vada scemando e che si decida di mettere la parola fine.

La crisi del settimo anno, le motivazioni

Le motivazioni della crisi del settimo anno, secondo la scienza, potrebbero essere legate non soltanto all’abitudine e alla difficoltà della monogamia ma anche al fatto che le nozze avvengono dopo molti anni di fidanzamento o convivenza. In passato,le coppie convolano a nozze molto prima rispetto a quando accade oggi dove ci si sposa, quasi sempre, soltanto quando si sono completati gli studi e si ha un’occupazione stabile. Inoltre, la crisi del settimo anno, che spesso si manifesta dopo quattro anni d’amore, sarebbe più frequente fra coloro che hanno dei figli. Diventare genitori è, senza dubbio, una grande gioia che comporta un cambiamento di ottica e di abitudini che in un rapporto poco solido può causare ansia e malumore. I piccoli riducono il tempo che i partner hanno per stare insieme ma non bisogna dimenticare che loro sono il frutto di un grande amore.
La crisi del settimo anno si può sconfiggere con tanta voglia di continuare a guardare insieme al futuro, ottimismo e amore. Trovare un accordo, svolgere delle attività insieme e cercare di cambiare gli aspetti caratteriali che maggiormente disturbano la persona amata sono piccole attenzioni che possono salvare la relazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *