EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Autore archivio: Hamlet

L’amore può diventare una dipendenza

amore

L’amore può essere definito come una droga, sia per gli effetti che provoca sia per le aree del cervello che interessa. La dipendenza può arrivare anche dall’amore, proprio come le sostanze stupefacenti. Alcuni legami sentimentali possono dare dipendenza e causare sentimenti molto simili a quelli delle droghe, come il desiderio di stare sempre col partner o la paura dell’abbandono. Alcune relazioni d’amore interessano le stesse zone cerebrali attivate dalle sostanze stupefacenti, intervenendo sui segnali di ricompensa e facilitando la creazione di pensieri ossessivi.

(altro…)

Il simbolo dell’amore eterno, l’anello Veretta

La Veretta di diamanti è uno degli anelli di fidanzamento più diffusi, insieme al trilogy e al solitario, proprio perché, essendo molto simile ad una fede matrimoniale, ben si addice al significato effettivo della promessa di matrimonio.

Si tratta di un anello con pietre incastonate, adatto per molteplici occasioni.
Ciò che caratterizza i modelli Veretta è senza dubbio la grande varietà di stile che ciascun anello può presentare, proprio perché l’acquirente ha la possibilità di variare forma, numero e caratteristiche dell’anello, in base alle proprie preferenze personali.
I modelli sono davvero vari, esistono quelli realizzati con diamanti uguali o diversi tra di loro, oppure i modelli con diamanti incastonati a giro o quelli totalmente incastonati sulla base dell’anello. Per le donne più semplici esistono anche le mezze Verette, anelli caratterizzati da pietre preziose incastonate solo sulla sezione frontale dell’anello stesso.
Le Verette di diamanti rappresentano dei gioielli molto comodi e adatti per qualsiasi occasione, sia per essere indossati quotidianamente sia per le serate speciali, perché tutti i modelli sono versatili ed eleganti al punto giusto, senza eccessi o eccessive estrosità.
Ma quali sono i modelli più ricercati?

I vari stili di Veretta, quali sono i più apprezzati?

Le Verette più diffuse sono senza dubbio quelle in oro bianco 18ct, anche se i modelli in oro giallo sono sempre apprezzati.
Proprio per andare incontro alle esigenze di ogni donna, oggi è possibile personalizzare i modelli a proprio piacimento, per realizzare il gioiello che più si addice ai propri gusti personali.
Il modello classico Veretta di diamanti in particolare, costituito dall’anello in oro bianco 18ct con brillanti, è realizzato con cinque pietre preziose, ma esistono anche le Verette con sette o nove diamanti, e persino quelle a giro (ovvero quelle che completano tutto l’anello, chiamate appunto “complete”.
La compravendita degli anelli Veretta si accompagna naturalmente con il certificato dei diamanti preziosi, che ne certificherà l’autenticità, proprio perché proveniente dai laboratori gemmologici certificanti.
Ma Vediamo le caratteristiche e soprattutto il significato implicito degli anelli Ma Vediamo le caratteristiche e soprattutto il significato implicito degli anelli Veretta.

Cosa rappresentano gli anelli Veretta?

La Veretta è una fedina dall’estetica raffinata, caratterizzata da diamanti brillanti.
Si tratta di un simbolo d’amore importante, e proprio per questo regalato in occasione di un formale fidanzamento, ma anche come regalo per San Valentino o per un anniversario di nozze.
In base al numero di diamanti incastonati è possibile classificare i modelli Veretta nelle seguenti tipologie:

anelli a cinque diamanti
anelli a mezzo giro
anelli con diamanti a giro completo

Il prezzo di acquisto dei Veretta cambiano dunque in base a tanti elementi, tra cui le caratteristiche del modello scelto, la dimensione dei diamanti e il numero degli stessi (anche in base alle dimensioni delle pietre).
E’ bene considerare, infine, la purezza o meno dei diamanti dell’anello, caratteristica, anche questa, che incide sul prezzo finale dello stesso.

Fine settimana romantico a Gradara

gradara

Fine settimana romantico a Gradara, un luogo incantato e di grande fascino. Se cercate un’alternativa per un viaggio di coppia, vi proponiamo un fine settimana romantico a Gradara.

Fine settimana romantico a Gradara, il borgo di Paolo e Francesca
Gradara è una destinazione molto romantica da conoscere in compagnia della persona amata. Il borgo di Gradara, nelle Marche, è un centro medioevale dove si respira un’atmosfera magica. Proprio a Gradara è ambientata la storia d’amore fra Paolo e Francesca, narrata nel V canto dell’Inferno. Il nucleo originario di Gradara parte dall’imponente mastio edificato per volontà della famiglia De Griffo. Il borgo passa poi sotto i potenti Malatesta che intervengono sulla struttura, trasformandola in un castello. Nel corso dei secoli, il sistema difensivo di Gradara viene adattato e modificato in residenza privata. Sono gli Sforza a ristrutturare il castello in residenza privata, ospitando anche Lucrezia Borgia. Il castello, dopo esser passato di mano in mano, viene restaurato ad opera dell’ingegnere Zanvettori nel XX secolo. Oggi, il maniero si può visitare e permette di godere di un panorama fantastico. La struttura è molto articolata e comprende un grande cortile e più ambienti come il mastio ed il palazzo. Al suo interno si trova la stanza nella quale si conclude tragicamente la vita di Paolo e Francesca. Francesca da Polenta, bella e giovane, era convolata a nozze con Giovanni, detto Giangiotto, Malatesta, potente e poco attraente. Francesca, durante il suo soggiorno a Gradara, conosce Paolo, fratello di Giangiotto. Lentamente i due si innamorano ma vengono scoperti dal marito e trucidati proprio all’interno del castello di Gradara. Dante li colloca nel girone dei lussuriosi proprio perché hanno ceduto alla passione dei sensi, non riuscendo a superare l’attrazione fatale.

Fine settimana romantico a Gradara, le escursioni
Una vacanza romantica a Gradara si può trascorrere passeggiando per le antiche vie, visitando il castello e assaporando il cibo tradizionale. I prodotti tipici del territorio sono il vino extra vergine d’oliva, gli insaccati e gli apprezzati vini. Nel borgo di Gradara si può ammirare il teatro comunale e la Chiesa medioevale dedicata a San Giovanni Battista, all’interno della quale si trova un raro crocifisso ligneo del XV secolo. Molto bella anche la Chiesa del Santissimo Sacramento risalente alla fine del 1500 che custodisce un importante organo del 1700.
Merita una visita il museo storico dove sono esposti reperti ed oggetti relativi alla cultura del mondo contadino e delle attività di Gradara.
Da Gradara si possono raggiungere molte località interessanti, come Pesaro che vanta un patrimonio storico di grande importanza.